12-ott-2021

I suggerimenti di Henkel per ridurre l’impronta ambientale personale e famigliare

7 idee + 1 per una casa sostenibile

Ridurre l’impatto ambientale è un gesto quotidiano che inizia in casa.

In questo articolo, scopriremo:

  • Come diventare alleati per lo sviluppo sostenibile
  • Qualche suggerimento per ridurre la nostra impronta ambientale

A poche settimane dalla COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si svolgerà a Glasgow a fine ottobre, manca ancora un vero accordo sulla transizione ecologica dei grandi Paesi del mondo. Ma il pianeta non può aspettare e, come hanno detto a gran voce anche i giovani del movimento Youth4Climate, ciascuno deve fare la sua parte perché non si può vincere la sfida climatica globale senza la collaborazione di tutti.

Alleati per lo sviluppo sostenibile

La sostenibilità è entrata nei processi e nelle strategie di innovazione di molte aziende: dalla scelta delle materie prime al packaging dei prodotti, dalla decarbonizzazione dei siti produttivi all’ottimizzazione della logistica, sono tante le aree in cui le imprese come Henkel possono lavorare per ridurre la loro impronta ambientale. Non dimentichiamo però che, per alcune categorie di prodotto, l’impatto più significativo è legato alla fase di consumo: ecco perché i clienti e i consumatori finali possono fare la differenza sposando la filosofia del “fare di più con meno”, ossia ottenere maggior valore consumando meno risorse.

Pronti? Via!

Ecco alcuni consigli e suggerimenti pratici per vivere la casa in maniera sostenibile, risparmiando energia e prendendoci cura degli ambienti per minimizzare sprechi e rifiuti.

Il bucato? Anche a basse temperature

I detersivi di nuova generazione consentono di fare il bucato anche a basse temperature o addirittura a freddo, utilizzando meno acqua ed energia, senza rinunciare a un pulito impeccabile. Leggiamo quindi con attenzione le etichette dei tessuti e le indicazioni riportate sulle confezioni: se usiamo detersivi concentrati o predosati, non occorre sovradosare il prodotto. Usare più detersivo nel necessario non aiuta a lavare meglio!

Facendo il bucato a 30°C si utilizza il 60% di energia in meno rispetto a quando si lava a 60° C.1 In questo modo contribuiamo all’ecosostenibilità, risparmiando energia.
1Fonte: cleanright.eu/it/

Lavastoviglie e lavatrice sì, ma a pieno carico

Lavare a mano non è sempre la scelta più ecologica. Usando la lavatrice e lavastoviglie a pieno carico e impostando il programma giusto, faremo meno lavaggi e ottimizzeremo il consumo di energia e acqua. Ove possibile, preferiamo gli elettrodomestici ad alta efficienza energetica disponibili su mercato.

Nella scelta dell’elettrodomestico è bene preferire le classi energetiche di minor impatto ambientale. Nell’acquisto di lavastoviglie o lavatrice, meglio selezionarla della capienza più adatta alle esigenze del proprio nucleo famigliare.

Differenziare i rifiuti è fondamentale

Un mondo più pulito comincia a casa nostra: ricicliamo i nostri rifiuti separando bene le confezioni dei prodotti che abbiamo usato. Le etichette in carta o i rivestimenti in plastica devono, ad esempio, essere separati da flaconi e contenitori per essere conferiti in modo corretto.

Spegniamo la luce quando non serve

Può sembrare banale, ma spegnere le luci non necessarie permette di risparmiare tanta energia, così come evitare di lasciare i dispositivi elettronici in stand-by. Installando lampade a Led possiamo anche mitigare l’affaticamento oculare.

Fino al 75% del consumo totale di elettricità è dovuto ai cosiddetti carichi fantasma: un dispositivo elettronico, infatti, consuma energia anche quando rimane connesso in stand-by!

Miglioriamo l’isolamento

Potenziare l’isolamento termico di pavimenti e pareti è importante per proteggere la casa ed evitare inutili sprechi energetici. Anche le sigillature del bagno e della cucina andrebbero verificate periodicamente per limitare o azzerare perdite d’acqua, guasti e muffe.

Consumiamo l’acqua responsabilment

Preferire la doccia al bagno nella vasca, chiudere il rubinetto mentre ci si lava viso o denti e sistemare anche le piccole perdite ci aiuta a non sprecare acqua. Ognuno di noi ne consuma fino a 300 litri di acqua ogni giorno: Henkel lo sa bene, per questo promuove e sostiene l’iniziativa “Be Smarter, Save Water” per un consumo responsabile di questa risorsa così preziosa.

“Be smarter, save water” è l’iniziativa che incoraggia comportamenti virtuosi al fine di risparmiare la risorsa acqua.

Aggiustiamo invece di buttare

Una tazza rotta, una maniglia staccata, un appendiabiti che non tiene più? Prima di buttarli via, possiamo provare a sistemarli. Spesso basta un po’ di impegno e il prodotto giusto per dare una seconda vita agli oggetti che abbiamo in casa.


Vogliamo fare ancora di più? Mettiamoci alla prova con il calcolatore dell’impronta ecologica: sviluppato da Henkel insieme all’istituto tedesco Wuppertal, ci permette di stimare il nostro impatto individuale e famigliare partendo da semplici domande sul nostro stile di vita e le nostre abitudini.