8-mar-2022

L’impegno di Henkel per l’equità e l’inclusione

Abbattere gli stereotipi per una vera parità di genere

L’impegno di Henkel per la parità di genere e l’inclusione

Una società in cui le donne abbiano le stesse opportunità degli uomini: secondo il Barometro sulla Gender Equality presentato lo scorso ottobre durante il Women’s Forum G20 Italy, questa è una priorità assoluta per 8 persone su 10. Un traguardo che però sembra ancora lontano in diversi paesi e settori.

In Italia si laureano più donne che uomini ma, dice il consorzio AlmaLaurea (*), a 5 anni dal completamento del percorso di studi risulta occupato il 92% degli uomini e solo l’86% delle laureate. Le donne svolgono per lo più lavori autonomi, mentre gli uomini ottengono più facilmente dei contratti a tempo indeterminato, con una retribuzione media più alta del 20%.

Cosa fare per invertire la tendenza? Per raggiungere una vera equità di genere servono decisioni forti e misure a sostegno dell’occupazione e della leadership femminile, ma ognuno di noi può fare la propria parte – ad esempio cominciando a rifiutare le discriminazioni e gli stereotipi, spesso inconsapevoli e dunque più subdoli, che ancora vediamo a scuola, nelle università, al lavoro e qualche volta anche in casa.

Demolire gli stereotipi (#BreakTheBias) è il tema scelto per la Giornata Internazionale della Donna 2022, ed è un invito che risuona particolarmente forte in Henkel, da anni impegnata nella costruzione di un ambiente di lavoro sempre più inclusivo, dove le donne siano accolte e valorizzate.

Obiettivo parità di genere entro il 2025

La lotta alle discriminazioni di genere (e non solo) non è una novità in Henkel, dove oggi il 38% delle posizioni manageriali a livello globale è coperto da donne. In Italia le donne rappresentano già il 41% del management, con un balzo di ben 3 punti percentuali ottenuto nell’ultimo anno, e la presenza femminile è sempre più numerosa a tutti i livelli e in tutte le sedi, anche negli stabilimenti e in dipartimenti come la Ricerca & Sviluppo, la Digitalizzazione e l’Ingegneria.

Ma possiamo fare ancora meglio. Con il nuovo Sustainability Ambition Framework 2030+, l’equità di genere è entrata a tutti gli effetti tra le dimensioni della sostenibilità e ci siamo dati l’obiettivo di raggiungere l’effettiva parità a tutti i livelli manageriali entro il 2025.

1627314
Open Slideshow
Donne al lavoro in Henkel

In Italia, il 41% dei manager Henkel è donna. La presenza femminile è alta a tutti i livelli e in tutte le sedi, anche negli stabilimenti e in dipartimenti come la Ricerca & Sviluppo

Open Slideshow
Training e workshop contro gli stereotipi di genere

Training e workshop aiutano a demolire gli stereotipi e tenere alta l’attenzione sulle discriminazioni di genere

Abbiamo sottoscritto il Manifesto per l’Occupazione femminile di ValoreD e il patto Zero Gender Gap del Women’s Forum G20 Italy: questi per noi non sono atti simbolici, ma una promessa che diventa sempre più concreta. Già oggi, ad esempio, nei percorsi di selezione abbiamo sempre il 50% di candidati uomini e il 50% di donne. Alla fine è la persona con le giuste competenze, attitudini ed esperienza ad avere il posto, ma donne e uomini hanno le stesse opportunità, in un’ottica di vera equità.

Continuiamo a migliorare la nostra organizzazione perché le persone riescano a trovare un sano equilibrio tra il lavoro e i loro progetti personali. Promuoviamo il lavoro ibrido combinando smart working e presenza in ufficio, assicuriamo flessibilità ai collaboratori che hanno particolari esigenze famigliari, l’estensione del congedo parentale per i neopapà, un’ampia gamma di servizi e agevolazioni a chi ha figli piccoli e in età scolare.

Sensibilizzazione e formazione continua

Servono anche interventi ‘soft’ per abbattere gli stereotipi e costruire una vera cultura dell’inclusione. In Henkel non mancano le iniziative di sensibilizzazione e formazione, proposte negli anni dal team Human Resources e arricchite nell’ultimo periodo grazie alle proposte del Pinkom, la community interna dedicata ai temi Diversity & Inclusion.

Proprio in queste settimane è ripartito il progetto I Am Remarkable, in collaborazione con Google, con una serie di workshop per sostenere l’autostima e la capacità di dare il giusto valore a competenze e qualità individuali, pensati in particolare per le donne e le persone appartenenti a minoranze. É stato poi ampliato il programma Mastermamma&Plus, che sostiene le neomamme e i neopapà nell’accudimento dei figli, soprattutto nel momento delicato del rientro al lavoro.

Nota:

(*) Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, Rapporto "Laureate e laureati: scelte, esperienze e realizzazioni professionali", gennaio 2022