5-mar-2020  Düsseldorf / Germania

Il rallentamento dell’economia e i maggiori investimenti pesano sui risultati

Henkel chiude il 2019 con risultati diversi e indica le previsioni per il 2020

  • Risultati 2019 condizionati dal perdurante rallentamento dell’economia e i maggiori investimenti nel segmento consumer e nella digitalizzazione dell’azienda
    • Vendite in crescita dell’1,1% a 20.114 milioni di euro, stabili in termini organici
    • Margine EBIT depurato* al 16,0% (-1.6 punti)
    • Rendimento depurato delle azioni privilegiate* (EPS) a 5,43 euro, -9,7% in termini nominali, -10,1% a tassi costanti di cambio
    • Flusso libero di cassa: 2.471 milioni di euro (+554 milioni di euro)
    • Dividendi** sui livelli dell’anno precedente: 1,85 euro per azione privilegiata
  • Previsioni 2020: ulteriore incremento degli investimenti finalizzati alla crescita in uno scenario industriale altamente incerto
    • Crescita organica delle vendite: 0 – 2%
    • Margine EBIT depurato*: 15% circa
    • Rendimento depurato delle azioni privilegiate* (EPS): a una cifra nella fascia media o alta dei valori, inferiore all’anno precedente a tassi costanti di cambio

“Nel 2019 le nostre unità di business hanno riportato andamenti diversi. Sulla divisione Adhesive Technologies ha pesato il rallentamento di alcuni mercati chiave, in particolare l’automotive e l’elettronica. Allo stesso tempo, le attività al consumo di Laundry & Home Care e Beauty Care hanno dovuto sostenere una competizione intensa in molti mercati”, ha spiegato il CEO di Henkel, Carsten Knobel.

“All’inizio del 2019 avevamo annunciato un piano per investire nella crescita circa 300 milioni di euro l’anno dal 2019 in poi, con l’obiettivo di rafforzare i nostri marchi, le tecnologie e le innovazioni, nonché accelerare la trasformazione digitale di Henkel”, ha continuato Carsten Knobel.

Nel corso dell’anno Henkel ha incrementato questi investimenti, ma i fondi aggiuntivi non sono stati completamente utilizzati. Il calo dei volumi, insieme agli stessi investimenti, ha penalizzato sia la profittabilità, sia il margine EBIT. “Grazie alla costante attenzione alla gestione dei costi, l’elevata efficienza dei processi e il continuo adattamento delle strutture, siamo riusciti a mitigare almeno in parte questi effetti”, ha detto Carsten Knobel. “Abbiamo continuato a investire nell’espansione e l’aggiornamento dei siti produttivi e dei centri di innovazione. Abbiamo anche consolidato le nostre divisioni attraverso acquisizioni mirate e partnership per un valore totale di quasi 600 milioni di euro”.

“Non siamo soddisfatti dei risultati che abbiamo ottenuto. Avevamo ambizioni più grandi per Henkel e, di conseguenza, prenderemo misure più incisive per sfruttare tutto il nostro potenziale di crescita e migliorare i risultati economici nel prossimo futuro”, ha concluso Knobel sintetizzando la situazione del 2019.  

Previsioni 2020

Henkel ha pubblicato oggi le previsioni per l’anno fiscale 2020, in linea con quanto già annunciato nel dicembre 2019. L’azienda stima una crescita organica delle vendite compresa tra lo 0 e il 2 percento. La profittabilità sarà condizionata anche nel 2020 dall’incertezza prevalente nei mercati industriali e dai maggiori investimenti finalizzati alla crescita attraverso il marketing e la promozione, la digitalizzazione e l’IT per rafforzare le attività in modo sostenibile. Il margine EBIT depurato è atteso intorno al 15 percento. L’EPS depurato è previsto a una cifra, nella fascia media o alta dei valori, inferiore all’anno precedente a tassi costanti di cambio.


*  Depurato da costi / ricavi straordinari e oneri di ristrutturazione.
** Proposta agli azionisti in occasione dell’Annual General Meeting in programma il 20 aprile 2020

Comunicato Stampa (1,4 MB)