• Italia | Cambia sito web
  • Contatti
  • Aggiungi alla Raccolta
  • Condividi

25-feb-2016  Düsseldorf / Germania

Henkel: l’esercizio 2015 si chiude con risultati eccellenti

Netto incremento del fatturato e degli utili

  • Fatturato: +10,1% per complessivi 18.089 milioni di euro (incremento organico: +3,0%)
  • Utile operativo*: +12,9% per un totale di 2.923 milioni di euro
  • Margine EBIT*: +0,4 punti percentuali a quota 16,2%
  • Utile per azione privilegiata* (EPS): +11,4% a quota 4,88 euro
  • Dividendi proposti: +12,2%, pari a 1,47 euro per azione privilegiata

Visualizzazioni:

"2015 was an excellent year for Henkel."

Kasper Rorsted, Chief Executive Officer,
on fiscal year 2015

4:15 Min.

649510

“Il 2015 è stato un anno eccellente per Henkel. Il fatturato, gli utili, l’utile per azione privilegiata e anche i dividendi proposti hanno fatto registrare incrementi a due cifre. Tutti e tre i settori di attività hanno visto una crescita organica del fatturato e un netto miglioramento degli utili”, ha affermato Kasper Rorsted, Presidente del Comitato Direttivo di Henkel. “Anche quest’anno le regioni emergenti hanno contribuito in maniera decisiva al buon risultato complessivo, ma anche sui mercati maturi abbiamo conseguito ancora una volta un incremento organico”.

“In un contesto economico altamente complesso abbiamo ottenuto ottimi risultati, portando avanti con successo la nostra strategia e definendo validissime basi per il futuro. Dopo tre dei quattro anni del nostro attuale ciclo strategico siamo sulla buona strada per raggiungere entro la fine del 2016 gli obiettivi che avevamo stabilito”, ha continuato Rorsted.

Previsioni per il 2016

Commentando l’esercizio appena concluso e gli obiettivi finanziari per il 2016, Rorsted ha proseguito: “Lo scenario economico e politico rimarrà difficile. Dobbiamo perciò continuare ad adeguare processi e strutture alle condizioni di mercato per diventare ancora più efficienti e competitivi. Per l’esercizio 2016 ci attendiamo una crescita organica del fatturato compresa fra il 2 e il 4 percento. Per il margine EBIT depurato contiamo di raggiungere all’incirca quota 16,5 percento, e per l’utile depurato per azione privilegiata prevediamo un incremento fra l’8 e l’11 percento. Con un incremento medio dell’EPS pari al 9,7 percento nel periodo 2013-15, siamo fortemente determinati a raggiungere l’obiettivo pari al 10 percento di crescita entro l’attuale ciclo strategico”.

Sviluppi del fatturato e degli utili nel 2015

Con complessivi 18.089 milioni di euro, il fatturato dell’esercizio 2015 è risultato chiaramente superiore all’anno precedente. L’andamento dei cambi ha esercitato un effetto positivo sul fatturato pari al 4,4%. Le acquisizioni/cessioni hanno contribuito complessivamente per il 2,7% all’incremento del fatturato. Da un punto di vista organico, ovvero depurato dagli effetti di cambio e dalle acquisizioni/cessioni, Henkel ha conseguito un incremento pari al 3,0%.

Tutti i settori di attività hanno registrato una crescita organica del fatturato, consentendo ad Henkel di ampliare complessivamente le quote di mercato sui mercati di rilievo. La divisione Laundry & Home Care ha ottenuto un tasso di crescita organica del fatturato pari al 4,9%. Nella divisione Beauty Care l’incremento organico del fatturato è stato del 2,1%, e la divisione Adhesive Technologies ha conseguito a sua volta un aumento organico del 2,4%.

L’utile operativo depurato (EBIT)da ricavi e spese non ricorrenti nonché da costi di ristrutturazione ha registrato un netto miglioramento del 12,9%, passando a 2.923 milioni di euro (esercizio precedente: 2.588 milioni di euro). A questi sviluppi positivi hanno contribuito tutti e tre i settori di attività. Il risultato operativo dichiarato (EBIT) è stato di 2.645 milioni di euro, dopo i 2.244 milioni di euro ottenuti l’anno scorso.

L’utile sul fatturato depurato (margine EBIT) è aumentato di 0,4 punti percentuali, salendo dal 15,8% al 16,2%. Con un incremento di 0,9 punti percentuali, l’utile sul fatturato dichiarato è salito a quota 14,6% (esercizio precedente: 13,7%).

Il risultato finanziario è migliorato, passando da -49 milioni di euro a -42 milioni di euro. Laquota d’impostaè rimasta praticamente invariata sul 24,4%, dopo il 24,3% dell’anno scorso.

Gli utili di esercizio depurati, al netto di quote di minoranza, sono aumentati dell’11,4% rispetto all’anno precedente, salendo a quota 2.112 milioni di euro (esercizio precedente: 1.896 milioni di euro). Gli utili di esercizio dichiarati sono cresciuti del 18,4%, passando da 1.662 milioni a 1.968 milioni di euro. Al netto delle quote di minoranza, pari a 47 milioni di euro, gli utili di esercizio hanno totalizzato 1.921 milioni di euro (2014: 1.628 milioni di euro).

Gli utili depurati per azione privilegiata (EPS) sono saliti dell’11,4%, passando da 4,38 a 4,88 euro. Il valore dichiarato è salito da 3,76 a 4,44 euro.

Il Management Board, il Supervisory Board e il Comitato degli azionisti proporranno all’Assemblea Generale degli azionisti il prossimo 11 aprile 2016 un incremento dei dividendi del 12,2%, pari a 1,47 euro per azione privilegiata (esercizio precedente: 1,31 euro) e un aumento dei dividendi del 12,4%, pari a 1,45 euro per azione ordinaria (esercizio precedente: 1,29 euro). La quota di distribuzione ammonterebbe così al 30,2%.

Il rapporto fra capitale netto circolante e il fatturato è migliorato di 0,4 punti percentuali, passando dal 4,2% al 3,8%.

Al 31 dicembre 2015, la posizione finanziaria netta ammontava a 335 milioni di euro (31 dicembre 2014: -153 milioni di euro).

Sviluppo dei settori di attività

La divisione Laundry & Home Care ha proseguito con grande successo il percorso di crescita redditizia già avviato negli anni precedenti. Con un incremento organico del fatturato pari al 4,9%, l’esito è stato chiaramente superiore a quello dei mercati di maggior rilievo. Da un punto di vista nominale il fatturato è aumentato dell’11,0%, raggiungendo quota 5.137 milioni di euro e superando per la prima volta la soglia dei 5 miliardi di euro.

Con un ingente incremento organico, i mercati emergenti si sono rivelati anche nel 2015 il principale motore di crescita. Europa Orientale, America Latina e Asia (escluso Giappone) hanno fatto registrare una fortissima crescita. Anche la regione Africa/Medio Oriente ha visto esiti molto notevoli, nonostante la difficile situazione di mercato abbia smorzato l’andamento dinamico rispetto all’anno precedente. Positivi gli sviluppi sui mercati maturi, con una buona crescita del fatturato in America del Nord e risultati positivi in Europa Occidentale.

L’utile operativo depurato ha fatto registrare un chiarissimo incremento del 17,4%, salendo a 879 milioni di euro. L’utile sul fatturato depurato ha conseguito un ingente aumento di 0,9 punti percentuali, portandosi al 17,1%. L’utile operativo dichiarato è migliorato addirittura del 27,8%, passando da 615 milioni a 786 milioni di euro.

Anche la divisione Beauty Care ha confermato nel 2015 lo sviluppo redditizio degli anni precedenti. La buona crescita organica del fatturato pari al 2,1% si è rivelata ancora una volta superiore rispetto all’andamento dei mercati di rilievo. Da un punto di vista nominale il fatturato è salito dell’8,1%, passando a 3.833 milioni di euro.

Lo sviluppo delle attività si è rivelato più favorevole nei mercati emergenti. In particolare, la regione Asia (escluso Giappone) ha ottenuto notevoli incrementi riconducibili essenzialmente all’ampliamento delle attività in Cina. L’America Latina ha conseguito un aumento delle vendite a due cifre. Con un andamento decisamente positivo, la regione Africa/Medio Oriente ha proseguito il cammino di successo degli anni precedenti. L’Europa Orientale ha fatto registrare ottimi sviluppi.

I mercati maturi sono tuttora caratterizzati da un’intensa concorrenza e una forte pressione su prezzi e promozioni. In questo contesto, il fatturato Henkel è rimasto leggermente sotto i valori dell’anno precedente, soprattutto a causa dell’andamento in Europa Occidentale e nei mercati maturi delle regioni Asia/Pacifico. In America del Nord, invece, il fatturato ha conseguito un buon incremento in una situazione di mercato alquanto impegnativa.

Rispetto all’esercizio precedente, l’utile operativo depurato ha ottenuto un notevole incremento pari al 12,2%, salendo a quota 610 milioni di euro che rappresentano un nuovo record per questa divisione. L’utile sul fatturato depurato ha fatto segnalare un forte aumento di 0,6 punti percentuali, raggiungendo il 15,9%. L’utile operativo dichiarato è aumentato del 33,3%, toccando quota 561 milioni di euro.

La divisione Adhesive Technologies ha raggiunto un buon incremento organico pari al 2,4%, corrispondente al livello generale di mercato. Da un punto di vista nominale il fatturato è aumentato del 10,6%, passando da 8.127 milioni a 8.992 milioni di euro.

Sui mercati emergenti la divisione ha conseguito una buona crescita organica del fatturato, con ottimi incrementi in America Latina. Nonostante la difficile situazione politica e le gravose condizioni economiche generali, le regioni Africa/Medio e Europa Orientale hanno fatto registrare un forte incremento delle vendite. In Asia (escluso Giappone) l’andamento è stato positivo.

I mercati maturi hanno visto un incremento del fatturato, soprattutto in Europa Occidentale e America del Nord. I mercati maturi della regione Asia/Pacifico hanno fatto rilevare una buona crescita.

L’utile operativo depurato ha fatto registrare un miglioramento del 9,4% che, con 1.534 milioni di euro, rappresenta un nuovo massimo storico. L’utile sul fatturato depurato ammontava al 17,1%, restando così leggermente sotto l’alto livello dell’anno precedente. L’utile operativo dichiarato è aumentato dell’8,7%, arrivando a quota 1.462 milioni di euro.

Sviluppo per regioni

In una situazione di mercato tuttora caratterizzata da un’intensa concorrenza, nella regione Europa Occidentale il fatturato del Gruppo è aumentato del 5,6%, per complessivi 6.045 milioni di euro. Dal punto di vista organico il fatturato ha subito un leggero calo dello 0,3%. In questo contesto, gli sviluppi positivi ottenuti in Paesi come Francia e Gran Bretagna non sono riusciti a compensare la flessione registrata in Svizzera e nei Paesi dell’Europa del Nord. A causa della forte svalutazione della moneta russa e di altre divise dei Paesi dell’Est, il fatturato della regione Europa Orientale ha totalizzato 2.695 milioni di euro, rimanendo così inferiore allo scorso anno.  Dal punto di vista organico, invece, il fatturato è aumentato del 7,3%. A questo risultato hanno contribuito in particolar modo le attività in Russia e Turchia. Malgrado i disordini politici e sociali in alcuni Paesi, nella regione Africa/Medio Oriente da un punto di vista nominale il fatturato è aumentato del 17,3%, arrivando a quota 1.329 milioni di euro. Da un punto di vista organico l’incremento del fatturato è stato del 6,8%. A questo risultato hanno contribuito tutte le divisioni.

In America del Nord il fatturato ha conseguito un netto aumento del 26,5%, arrivando a quota 3.648 milioni di euro. A questo risultato hanno contribuito effetti di cambio positivi, così come le acquisizioni effettuate nel 2014. Con un incremento del 2,3%, dal punto di vista organico il fatturato ha fatto registrare un buon andamento. In America Latina il fatturato è cresciuto del 7,9% per complessivi 1.110 milioni di euro. Dal punto di vista organico il fatturato è aumentato dell’8,8%, con particolare contributo da parte del Messico dove la crescita è stata a due cifre. Nella regione Asia/Pacifico il fatturato è aumentato del 17,1% rispetto all’esercizio precedente, totalizzando 3.134 milioni di euro. Nonostante il rallentamento dell’espansione in Cina, anche in questa regione il fatturato ha conseguito un incremento organico pari al 2,5%.

Nelle regioni emergenti dell’Europa Orientale, Africa/Medio Oriente, America Latina e Asia (escluso Giappone), il fatturato pari a 7.797 milioni di euro si è collocato nettamente sopra il livello dell’esercizio precedente. Dal punto di vista organico la crescita è stata del 5,9%. A questo risultato hanno dato impulso tutti i settori di attività e le regioni emergenti hanno contribuito ancora una volta in misura più che proporzionale alla crescita del fatturato organico. A causa degli effetti di cambio, la quota sul fatturato dei mercati emergenti è leggermente diminuita, collocandosi sul 43%. Sui mercati maturi, sotto l’aspetto organico il fatturato è aumentato dello 0,7%, per complessivi 10.164 milioni di euro.

Andamento del Gruppo Henkel nel quarto trimestre 2015

Nel quarto trimestre 2015, il fatturato è aumentato del 6,0% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, passando a 4.374 milioni di euro (esercizio scorso: 4.126 milioni di euro). Dal punto di vista organico, ovvero depurato da effetti di cambio e acquisizioni/cessioni, il fatturato è aumentato del 2,9%. L’utile operativo depurato (EBIT) da ricavi e spese non ricorrenti nonché da spese di ristrutturazione è aumentato dell’11,3%, passando da 602 milioni a 670 milioni di euro. L’utile operativo dichiarato (EBIT) ha ottenuto un incremento del 39,0%, totalizzando 616 milioni di euro, dopo i 444 milioni di euro raggiunti nello stesso trimestre dell’esercizio precedente.

L’utile sul fatturato depurato (margine EBIT) è aumentato di 0,7 punti percentuali, passando dal 14,6% al 15,3%. L’utile sul fatturato dichiarato è cresciuto di 3,3 punti percentuali, salendo dal 10,8% al 14,1%. Gli utili trimestrali depurati, al netto delle quote di minoranza, hanno conseguito un incremento del 9,8% rispetto all’esercizio scorso, passando da 437 milioni a 480 milioni di euro. Gli utili trimestrali dichiarati sono aumentati del 48,7%, giungendo a quota 461 milioni di euro (esercizio precedente: 310 milioni di euro). Al netto delle quote di minoranza, pari a 15 milioni di euro, gli utili trimestrali ammontano a 446 milioni di euro (stesso trimestre del 2014: 298 milioni di euro). Gli utili per azione privilegiata (EPS) sono aumentati del 9,9%, passando da 1,01 a 1,11 euro. Dichiarato, questo risultato è salito del 49,3% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, passando da 0,69 a 1,03 euro.

Continua con successo l’implementazione della strategia 2016

Nell’esercizio appena terminato, Henkel ha continuato a implementare con successo la strategia 2016 e le quattro priorità sintetizzate dalle parole chiave Outperform, Globalize, Simplify e Inspire.

Outperform: superare la concorrenza

Nel 2015 Henkel ha consolidato ulteriormente i tre brand di punta Persil, Schwarzkopf e Loctite, che hanno ottenuto complessivamente un fatturato di 5,9 miliardi di euro. La quota sul fatturato dei dieci marchi più importanti è aumentata dal 59 al 61 percento, superando già ora l’obiettivo fissato per il 2016, che era pari al 60 percento. Questo risultato è attribuibile alle numerose innovazioni, gli investimenti nei marchi di maggior rilievo e l’apertura di nuovi mercati. Per quanto riguarda le attività al consumo delle divisioni Laundry & Home Care e Beauty Care, Henkel ha realizzato più del 45 percento del fatturato con prodotti presenti sul mercato da meno di tre anni. Nella divisione Adhesive Technologies, la quota di fatturato ottenuta con prodotti immessi sul mercato negli ultimi cinque anni si aggira attorno al 30 percento. Gli eccellenti rapporti con i clienti hanno contribuito anche nel 2015 ad accrescere ulteriormente la quota di fatturato ottenuta con i partner commerciali più importanti.

Accanto al consolidamento della posizione competitiva, Henkel ha investito nella digitalizzazione delle proprie attività e processi attraverso la progressiva standardizzazione e integrazione delle piattaforme SAP, il miglioramento delle piattaforme di comunicazione e collaborazione per i dipendenti, nonché l’ampliamento mirato delle attività digitali orientate ai clienti e ai mercati.

Globalize: globalizzare le nostre attività

Nell’esercizio 2015 Henkel ha realizzato il 43 percento del fatturato nei mercati emergenti. Questa quota è leggermente inferiore all’anno precedente, soprattutto a causa della debolezza delle monete di alcuni Paesi. Depurati dalle oscillazioni delle valute, i risultati ottenuti nei mercati emergenti hanno contribuito ancora una volta in modo essenziale al successo del Gruppo. Henkel intende intensificare ulteriormente la propria presenza in queste regioni.  

Sui mercati maturi, Henkel ha rafforzato le proprie posizioni di leadership. Una pietra miliare nell’esercizio 2015 è stata l’introduzione sul mercato al dettaglio statunitense dei brand Persil e Schwarzkopf, che ha contribuito a riportare Henkel in rotta di crescita sul suo mercato più vasto a livello mondiale, con conseguente miglioramento dei risultati.

Simplify: semplificare i nostri processi

Henkel persegue l’obiettivo di semplificare e ottimizzare costantemente attività e processi, incrementando l’efficienza e creando così ulteriore vantaggio competitivo.   Nell’esercizio 2015 Henkel ha compiuto grandi progressi nello sviluppo di modelli di business scalabili con processi più standardizzati, veloci e digitali. Henkel ha inoltre ampliato la nuova organizzazione che concentra in sé la Supply Chain globale e le attività di approvvigionamento per tutti i settori di attività. Alla fine del 2015 erano più di 3.000 i dipendenti impiegati nei sei Shared Service Center, dove sono stati centralizzati numerosi processi aziendali.

Inspire: fortificare il nostro team globale

Una performance di eccellenza si basa su una chiara strategia e un team globale di straordinaria capacità. Per conseguire il massimo delle prestazioni in un contesto altamente dinamico, Henkel necessita di dirigenti di qualità, da sostenere e valorizzare. Ai propri collaboratori Henkel offre numerose possibilità di crescita professionale, sia nei singoli campi di attività sia attraverso la Henkel Global Academy. L’integrazione di persone con culture ed esperienze diverse rappresenta a sua volta un importante fattore di successo. Henkel promuove questa diversità e negli ultimi anni ha ottenuto grandi progressi in questo senso. Nel 2015 la quota di dipendenti provenienti dai mercati emergenti era pari al 55 percento. La quota femminile nelle posizioni dirigenziali rappresenta circa il 33 percento.

Previsioni del Gruppo Henkel per il 2016

Per l’esercizio 2016 Henkel prevede una crescita organica del fatturato compresa fra il 2 e il 4 percento. Henkel ritiene che la crescita delle divisioni aziendali si collocherà in questa fascia, prevedendo inoltre un leggero aumento della quota di fatturato dei mercati emergenti. Rispetto al 2015, per gli utili sul fatturato depurati (EBIT) Henkel stima un incremento di circa il 16,5 percento, con utili sul fatturato depurati nelle singole divisioni uguali o superiori ai valori dell’esercizio precedente. Per l’utile depurato per azione privilegiata Henkel prevede un incremento compreso fra l’8 e l’11 percento.

* Depurato da spese e ricavi non ricorrenti nonché da costi di ristrutturazione

Le presenti informazioni contengono affermazioni di carattere previsionale basate sulle attuali convinzioni e valutazioni della direzione di Henkel AG & Co. KGaA. Le affermazioni di carattere previsionale sono caratterizzate dall'uso di termini come prevedere, intendere, pianificare, aspettarsi, ritenere, supporre, stimare e altri termini simili. Esse non costituiscono garanzie sui futuri risultati. Gli sviluppi futuri e i risultati effettivamente ottenuti da Henkel AG & Co. KGaA e dalle sue consociate dipendono da una serie di rischi e incertezze e possono dunque differire essenzialmente da quanto dichiarato o presunto sulla base di tali affermazioni. Molti di questi rischi e limitazioni riguardano fattori che sono al di fuori della capacità di controllo o valutazione di Henkel, quali le future condizioni economiche e di mercato e il comportamento di altri operatori sul mercato. Henkel non intende assumersi alcun obbligo in merito all'aggiornamento di qualsiasi affermazione di carattere previsionale.