• Italia | Cambia sito web
  • Contatti
  • Aggiungi alla Raccolta
  • Condividi

21-dic-2015  Düsseldorf / Germania

Gli adesivi Henkel sono stati utilizzati nel restauro della maschera dorata del faraone egizio

Henkel incolla la barba di Tutankhamon

E’ stata riportata al Museo Egizio de Il Cairo la maschera d’oro del faraone Tutankhamon, lo straordinario reperto con oltre 3.000 anni di storia che era stato sottoposto a restauro dopo l’accidentale caduta della barba durante un’intervento di pulizia. La barba è stata riposizionata e fissata grazie a uno speciale adesivo hotmelt di Henkel.

Christian Eckmann, esperto del Römisch-Germanisches Zentralmuseum di Mainz e coordinatore dell’equipe che ha lavorato al restauro, ha pubblicamente ringraziato Henkel per il contributo offerto al progetto: “Le competenze e il supporto del team di ricerca di Henkel Adhesives sono stati fondamentali per la buona riuscita del restauro. Siamo riusciti a staccare la barba, che era stata fissata dopo la rottura con un collante non appropriato, e riposizionarla con un composto sviluppato appositamente da Henkel”. Eckmann ha inoltre ringraziato la Fondazione Gerda Henkel per il sostegno finanziario al restauro, che è durato complessivamente otto settimane.

La collaborazione è iniziata quando Dirk Kasper, specialista Henkel in adesivi hotmelt, ha saputo che l’uso improprio di un collante aveva danneggiato la celebre maschera di Tutankhamon e ha contattato l’equipe di Eckmann per offrire supporto. Invitato a esaminare il reperto, il collega Rainer Schönfeld ha riferito: “La barba era stata fissata erroneamente con un collante epossidico. Abbiamo molta esperienza con questa tecnologia e sappiamo trattare questo tipo di resine”.

Il team Henkel ha condotto un’analisi dettagliata e definito come rimuovere il collante epossidico senza danneggiare la maschera e senza lasciare residui. In parallelo, è stato sviluppato un adesivo alternativo per fissare la barba in modo efficace e accurato, sopportando anche le condizioni e le temperature a cui il reperto viene conservato ed esposto al pubblico, nonchè le vibrazioni e le sollecitazioni in fase di trasporto. Il nuovo composto è stato elaborato combinando misure e rilevazioni fisiche, modelli 3D e test applicativi avanzati.

“Sviluppare adesivi ad alte prestazioni è il nostro lavoro, ma questo progetto è stato estremamente sfidante per l’intero team. Siamo davvero orgogliosi che un adesivo hotmelt di Henkel abbia contribuito al restauro della maschera dorata di Tutankhamon”, ha concluso Kasper.

Visualizzazioni:

Henkel’s adhesives experts help restore Tut Ankh Amun’s mask

3:17 Min.

600300

Comunicato Stampa (132,86 KB)

Un’immagine della riparazione della barba della maschera di Tutankhamon