• Italia | Cambia sito web
  • Contatti
  • Aggiungi alla Raccolta
  • Condividi

13-nov-2015  Düsseldorf, Germania

Henkel contribuisce a limitare gli effetti del riscaldamento globale con innovazioni ad alta efficienza energetica

Nuovi prodotti per ridurre le emissioni di CO2

Henkel rinnova il proprio impegno a favore dello sviluppo sostenibile intensificando lo sviluppo di prodotti innovativi, in grado di offrire prestazioni superiori con un minor impiego di energia e ridotte emissioni nocive.

Oltre 190 Paesi si incontreranno a Parigi il prossimo 7-8 dicembre per la conferenza COP21 promossa dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, con l’auspicio di raggiungere un nuovo accordo globale per limitare l’avanzata del riscaldamento globale. Da sempre convinta che la salvaguardia del pianeta non sia compito esclusivo dei governi – bensì un impegno che l’industria, le istituzioni, la comunità scientifica, le organizzazioni non governative e i cittadini di tutto il mondo devono condividere – Henkel investe per sviluppare e portare sul mercato soluzioni sostenibili che possano contribuire a minimizzare l’impatto dei cambiamenti climatici.

Energia e clima sono elementi fondamentali della Strategia di Sostenibilità 2030 che Henkel sta portando avanti: l’azienda si è data come obiettivo quello di triplicare il valore creato rispetto all’impronta lasciata da operazioni, prodotti e servizi, ovvero rendere tutti i prodotti e i processi tre volte più efficienti. Il cosiddetto ‘Fattore 3’ viene applicato a ogni divisione e tutti gli ambiti operativi lungo la catena del valore.

Per il quinquennio 2011-15, Henkel si era data l’obiettivo di diminuire del 15% l’energia impiegata per unità di produzione, ma questo traguardo è stato già raggiunto e superato alla fine del 2014, quando l’azienda ha documentato l’avvenuta riduzione del 20% di energia utilizzata per unità di produzione. Tale risultato è stato ottenuto grazie a un’attenta politica di approvvigionamento e uso efficiente dell’energia nelle attività produttive e logistiche, limitando il più possibile le emissioni di gas serra. Henkel si è inoltre impegnata a sviluppare prodotti e tecnologie in grado di ridurre i consumi energetici dei clienti industriali e dei consumatori.

Molti prodotti Henkel vengono usati quotidianamente da milioni di persone nel mondo, e fino al 90% della loro impronta ecologica si gioca proprio in fase di utilizzo. L’azienda dedica quindi grande attenzione allo sviluppo di soluzioni e tecnologie che aiutino consumatori e imprese a risparmiare energia e contenere le emissioni di CO2, come dimostra l’esempio di Dixan Power-Mix Caps, le caps pre-dosate per bucato che uniscono in un solo prodotto il detersivo liquido concentrato e la polvere attiva. Lanciata la scorsa estate, questa formula assicura prestazioni di lavaggio ottimali su tutti i tipi di sporco già alle basse temperature, riducendo il consumo energetico della lavatrice.

Tra i prodotti Henkel per la pulizia delle stoviglie, le tab Pril 10 permettono di ottenere ottimi risultati anche con cicli brevi e a bassa temperatura. Scegliendo un programma di lavaggio a soli 40° C, Pril 10 consente infatti di risparmiare fino al 20% di energia elettrica rispetto ai normali programmi da 50°-55° C.

Per Henkel, ridurre le emissioni di CO2 significa anche lavorare sul packaging per rendere le confezioni più compatte e leggere. In campo cosmetico, i prodotti per capelli della linea BC Bonacure Schwarzkopf si caratterizzano per le formule concentrate che, oltre a minimizzare gli sprechi, contribuiscono a diminuire del 20% il peso delle confezioni rispetto a quelle standard, ottimizzando tutti i processi logistici e di trasporto, di conseguenza riducendo le emissioni nocive.

Altro esempio di prodotto in grado di far risparmiare energia è Loctite GC10, la pasta saldante che può essere conservata e utilizzata a temperatura ambiente. Sviluppata attraverso uno studio durato oltre 4 anni, offre un sistema di flussante assolutamente innovativo e si distingue per l’eccezionale stabilità termica, grazie alla quale consente ai clienti industriali di evitare la refrigerazione dei materiali e quindi utilizzare meno energia.

Comunicato Stampa (133,76 KB)